Varese, corso Matteotti deserto per l'emergenza coronavirus

Varese, corso Matteotti deserto per l'emergenza coronavirus

Lifestyle

Non trascuriamo l’equilibrio di Madre natura

Se continuiamo a trascurare la natura, fra 30 anni sarebbero a rischio 5 miliardi di persone per carenza di acqua. E’ quanto emerge da uno studio condotto dall’Università americana di Stanford

Proprio in questi giorni, stiamo assistendo a scenari irreali nella nostre città.

Strade vuote, luoghi pubblici deserti, qualcuno che si aggira per le vie desolate alla stregua di un sopravvissuto come se fosse uscito da una pellicola di un film della più catastrofica fantascienza.

Questa è l’emergenza sanitaria legata alla contrazione della diffusione del coronavirus, ma trovo interessante paragonare a quanto questa imposizione del non trascurare l’igiene fondamentale della nostra quotidianità, faccia il paio con il dovere, per ciascuno di noi, con il concetto che nulla va trascurato, a partire dalla natura a volte così banalmente bistrattata dagli uomini come se non gli appartenesse, come se non facessimo parte di un disegno globale dove la natura, appunto, è la nostra cornice di sopravvivenza.

Stiamo assistendo, inermi /(e questo aggettivo, inserito in tal ragionamento, deve molto preoccuparci) alla ‘ribellione’ della stessa, a mutamenti climatici che sembrano inarrestabili e che potrebbero addirittura compromettere l’equilibrio della sopravvivenza umana sul pianeta.

Non è uno scenario apocalittico quello pubblicato sulla rivista Science e basato su un modello che evidenzia quali nodi potrebbero venire al pettine fra 30 anni se l’atteggiamento dell’uomo nei confronti della natura non diventerà più responsabile.

Perché nei prossimi trent’anni potrebbe essere impossibile procurarsi cibo ed acqua per circa 5 miliardi di persone, abitanti del continente africano e dell’Asia meridionale.

Non solo, ma sarebbero a rischio centinaia di milioni di residenti delle zone costiere che potrebbero essere flagellate da tempeste ed uragani.

L’ipotesi di una catastrofe ambientale è il risultato di uno studio realizzato dal gruppo internazionale coordinato da Rebecca Chaplin-Kramer dell’Università americana di Stanford.

Il modello di simulazione è stato calcolato sulla base di dati satellitari che permettono di realizzare mappe precise su piccole scale per capire dove e come la natura può influenzare il benessere degli esseri umani.

Gli studiosi compilatori del modello hanno analizzato in particolari tre scenari: il contributo della natura sulla qualità delle acque, la protezione delle coste e l’impollinazione delle piante nei campi coltivati. Dal modello emerge che l’impatto crescente dell’uomo sulla natura ne sta compromettendo gli ecosistemi. Dove infatti l’impatto dell’uomo è maggiore si riduce la capacità della natura di fronteggiarlo.

Trascurare la natura è un lusso che l’umanità non può più permettersi: nei prossimi 30 anni potrebbe essere compromesso l’accesso a cibo e acqua ad almeno 5 miliardi di persone, soprattutto in Africa e nell’Asia meridionale, e centinaia di milioni di abitanti delle zone costiere potrebbero essere esposti alla minaccia di tempeste e uragani.

E’ quindi evidente la dipendenze biunivoca tra il benessere dell’uomo e l’equilibrio degli ecosistemi.

I segnali d’allarme di come però la natura non riesca più a sostenere il nostro ‘ipotetico’ ben-essere (il trattino separatore dei tue termini s’impone) si sono già manifestati da tempo. Dobbiamo trasformare le nostra abitudini e premere l’acceleratore sulle scelte da compiere per salvaguardare il pianeta Terra dagli attacchi scellerati di distruzione dell’equilibrio naturali con nell’inevitabile impatto sul nostro vivere quotidiano.

Dovremmo ormai avere imparato che la Terra, se non trasformeremo le nostre abitudini, andrà avanti comunque, a prescindere dall’uomo.

Come sapremo interpretare i cambiamenti degli ecosistemi naturali e il loro impatto sul nostro benessere?

Eventi

Oktoberfoto: il Festival della Fotografia di Varese

Sabato 28 settembre il via alla dodicesima edizione di Oktoberfoto – “Varese Città della Fotografia”. Tante le mostre inserite all’interno del programma, per un festival che si estenderà fino a venerdì 8 novembre. 

Diciassette le associazioni fotografiche che prenderanno parte all’iniziativa, quattro le esposizioni di cui saranno presenti gli autori.

Tra gli scatti che saranno presentati in Sala Montanari e nello spazio di Acli Arte e Spettacolo di via Speri della Chiesa Jemoli anche alcuni provenienti dalla Svezia, dalla Romania e dal Canada. 

Cultura, Lifestyle

La quinta stagione dell’anno

La quinta stagione dell’anno potremmo chiamarla la vera mezza stagione, quella fase della natura che mostra il passaggio tra l’inverno e la primavera. Nella lingua svedese viene riconosciuta con un sostantivo preciso: varvinter.

Read more
Close