L’emergenza Coronavirus ha cambiato e cambierà il nostro modo di vivere. Come aiutare la ristorazione a far ripartire il pranzo aziendale? Le iniziative sono tante e tra queste troviamo il contributo di PerPranzo, startup 100% varesina!

Si parla di “nuova normalità”, ed interesserà tutti gli aspetti della nostra vita quotidiana, inclusa la pausa pranzo, da sempre momento di condivisione e socialità.

PerPranzo nasce con l’obiettivo di innovare il complesso mondo dei buoni pasto offrendo un’alternativa flessibile, digitale e conveniente sia per i ristoranti che per le aziende. E non è forse questo il significato di fare startup? Cogliere un’opportunità quando si individua un limite in un business consolidato? Così PerPranzo, grazie all’intuizione dei founder Angelo Nodari, Marco Vanetti e Fabio Micheletti, ha deciso di rivoluzionare la pausa pranzo, ripensandone il modello di servizio.

I co founder di PerPranzo, l’innovativa start up varesina della ristorazione

L’idea alla base di PerPranzo è quella di offrire un servizio vantaggioso e di qualità a tutti e tre gli attori della pausa pranzo: lavoratori, aziende e ristoranti.

Per questo tramite l’App i dipendenti hanno accesso ad un’alternativa ai buoni pasto semplice e veloce, che si adatta ai trend più moderni, come l’utilizzo dei supporti mobile, la valorizzazione dei cibi di qualità e l’utilizzo di sistemi di pagamento smart.

Allo stesso tempo rappresenta una soluzione per le aziende che vogliono semplificare la gestione dei sistemi di pasto, offrendo loro una piattaforma digitale che si interfaccia direttamente con i lavoratori.

Ed è, infine, una grande opportunità per il mondo della ristorazione, che porta innovazione tecnologica e fidelizzazione, senza però costi fissi e le commissioni più basse del mercato.

Con l’emergenza Covid-19, però, la giovane azienda di Varese ha deciso di dare un ulteriore supporto alla ristorazione. E’ nata così Zero Fee, l’iniziativa che permette ai ristoranti di utilizzare il servizio PerPranzo senza commissioni, fino alla fine del 2020.

Il progetto ha lo scopo di aiutare i ristoratori ad eliminare i gravosi costi legati all’utilizzo di POS e buoni pasto, offrendo un’alternativa di per sè già più conveniente, e che ora diventa gratuita! Per attivarla basta compilare il form che trovate QUI.

Inoltre, grazie all’impronta fortemente smart e alla modalità di pagamento di PerPranzo – completamente digitale e basata semplicemente sulla lettura di un QR code tramite smartphone – il pagamento del pranzo aziendale sarà completamente “senza contatto” e avverrà direttamente al tavolo, ma la pausa pranzo garantirà tutta la socialità di sempre!

Senza dubbio le soluzioni digitali daranno un forte contributo alla ripresa della ristorazione e alla cultura del buon vivere, che tutti noi ci auguriamo torni a pulsare molto presto a Varese e in tutto il nostro Bel Paese!